Strada dei Vini e Sapori mantovani- Le specialità delle Colline

Si può certamente affermare che Mantova vanti una ricca tradizione enogastronomica, e le colline moreniche della provincia contribuiscono a questo patrimonio con diverse specialità culinarie ed enologiche.
Partendo dal piatto principe, di cui questo blog porta il nome, il Capunsel -gnocchetti di pane cotti nel brodo e conditi con burro e salvia o pomodoro (vedi http://www.capunsel.it/la-ricetta-tradizionale-dei-capunsei-cereta.html  ) allo Stracotto d’asino, al Salame mantovano nonché il Grana padano (vi sono diversi caseifici nella zona), alle “Foiade” (tipo di lasagne ma con molti più strati di pasta e un ragù arricchito dalla salamella), al famoso “Risot Menà”, per non dimenticare i dolci: l’Helvetia, la Torta dura (vedi http://www.capunsel.it/torta-dura-della-zia-mafalda.html ), la classica Sbrisolona (vedi http://www.capunsel.it/la-sbrisolona-mantovana.html ) o il natalizio Anello di Monaco (vedi http://www.capunsel.it/l%e2%80%99anello-di-monaco-mantovano.html )
Non possiamo non citare i vini prodotti da queste colline, pluripremiati in varie manifestazioni locali, nazionali ed internazionali come il Vinitaly: il Garda Colli Mantovani DOC Rubino/ Chiaretto/ Bianco/ Merlot/ cabernet/ Chardonnay/ Sauvignon. Ma troviamo anche dei Passiti di tutto rispetto, come il pregevole Ciano di Cantine Boselli (Volta Mantovana) o quello di Cantina Ricchi (Cavriana).
Potete trovare informazioni visitando il punto di informazioni de “La Strada dei Vini e dei Sapori Mantovani” aperto da poche settimane c/o la “Casa del Giardiniere” a Volta Mantovana, dove potrete anche degustare i prodotti locali e avere dettagli sulle produzioni, contatti per la visita delle cantine, informazioni enogastronomiche e culturali locali in genere.

Il Salame Morenico di Pozzolengo

Il maiale è un elemento fondamentale della cucina mantovana, legato alla tradizione dell’antica civiltà contadina. Da quest’animale derivano quasi tutti gli ingredienti per preparare il Salame Morenico di Pozzolengo, la cui peculiarità sta nell’unire all’impasto aglio e spezie. Ecco la ricetta:

Ingredienti:
Carne magra di maiale
Grasso di maiale pestato grossoloanamente
Spicchi d’Aglio
Vino bianco
Sale
Pepe macinato grossolanamente
Salnitro
Formaggio Grana
Budella per insaccare

Preparazione
Schiacciare l’aglio e farlo marinare Continua a leggere Il Salame Morenico di Pozzolengo

La ricetta della Torta di San Biagio

torta di san Biagio
torta di san Biagio

Alla base di questa ricetta ci sono le mandorle di Cavriana, che già nel Seicento venivano considerate particolari per il loro gusto intenso. I Gonzaga le consideravano addirittura afrodisiache!

Gli Ingredienti:
Per la Pasta frolla:
1kg di Farina di frumento
300 gr zucchero semolato
300 gr di strutto o burro
1 bustina di lievito per dolci
Buccia grattugiata di un limone
Vino bianco per impastare

Per il ripieno:
250gr di mandorle
250gr di zucchero semolato
2 uova intere
150gr di cioccolato fondente
100gr di amaretti
Il succo di un limone

Preparazione
Preparare la pasta
Continua a leggere La ricetta della Torta di San Biagio

L’Anello di Monaco Mantovano_la ricetta originale

Come già descritto, l’Anello di Monaco si può considerare il tipico dolce natalizio delle tavole mantovane.
Di seguito gli ingredienti e il procedimento per realizzare questo dolce dalla pasta soffice e dolce.
Gli Ingredienti:
per l’impasto:
500gr di Farina di frumento
70gr di lievito di birra
2 uova intere
2 tuorli
140gr di burro morbido o strutto
1 ½ cucchiaio di zucchero
1 bicchiere di latte tiepido
Buccia grattugiata di un limone
Un pizzico di sale

Continua a leggere L’Anello di Monaco Mantovano_la ricetta originale

La Sbrisolona mantovana

È considerato il dolce tipico della provincia di Mantova e anche nell’area morenica è molto diffuso. È una torta fatta di ingredienti semplici e che non richiede una preparazione elaborata.

Gli ingredienti

  • 200gr. di farina bianca
  • 200gr di farina tipo fioretto
  • 200gr di zucchero semolato
  • 200gr di mandorle spelate
  • 200gr di burro morbido a pezzetti
  • 30gr di liquore all’anice

Preparazione

Setacciare i due tipi di farina su una spianatoia, aggiungere lo zucchero, le mandorle intere, il burro e il liquore. Impastare vigorosamente tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto sgranato.

Continua a leggere La Sbrisolona mantovana

Torta Düra della Zia Mafalda

Nel pieno rispetto della tradizione mantovana, anche nella ricetta di questa torta si usano ingredienti “contadini”: lo strutto recuperato dal grasso del maiale, le uova, la farina. È un dolce semplice, che si mangia in sostituzione della più tradizionale Sbrisolona mantovana, che rispetto a questa torta è più ricca in quanto usa burro e mandorle.

 

Gli Ingredienti:

750gr. Farina bianca di frumento

250gr. Farina tipo “fioretto”

300gr. Strutto

300gr. Zucchero

2          Tuorli

40gr. Di anice

la buccia grattugiata di un limone.

 

Preparazione della Torta Düra

Al centro di una spianatoia, disporre a fontana tutta la farina e nel mezzo aggiungere tutti gli altri ingredienti. Lavorare energicamente con entrambe le mani per amalgamare il tutto: il composto sarà pronto quando avrete ottenuto un impasto sgranato che si stacca dalle dita.

Ungere quindi con del burro o dello strutto una teglia con cerniera del diametro di 26/28cm, versarvi l’impasto ottenuto, e schiacciare bene con le mani per uniformarlo.

Mettere in forno pre-riscaldato a 120° per un’ora e quindi ancora un’ora a 180°.

 

Curiosità sulla cottura: questa torta veniva fatta il giorno in cui nelle cascine si cuoceva il pane, perché una volta terminata la cottura del pane, si infornava anche questo dolce.

I Condimenti per i Tortei de Söca (tortelli di zucca)

I Tortei de Söca vanno cotti in acqua bollente (aggiungete un cucchiaio di olio d’oliva all’acqua salata- per evitare che i tortelli si attacchino tra loro);
si possono poi condire in diversi modi:

  • Con Burro fuso e salvia, il più tradizionale;
  • Con Passata di pomodoro cotta con poco olio, aglio e salvia;
  • Con passata di pomodoro e salamella, per esaltare al meglio il gusto dolce del Tortello…ma è solo per i palati più sopraffini!